HUIT

Federica Ferracuti alias Hu sta per esplodere a livello planetario. Nessuna esagerazione: a RBTX direttamente dallo JägerMusic Lab 2018, dove è stato deciso di lasciarla fuori categoria, perché letteralmente “fuori” da qualsiasi parametro applicabile agli altri. Federica scrive, canta, suona (piano, contrabbasso, violoncello), produce; prima da autodidatta, poi al Conservatorio di Pesaro dove studia acusmatica e sound design, infine i corsi intensivi a Berlino con Riva Starr e Luca Pretolesi aka Digital Boy tra gli altri come maestri. Ad ascoltare le sue produzioni, nate e coltivate in un’indefinibile terra di mezzo tra elettronica, cantautorato e suggestioni cyberpunk assorbite chissà dove, chissà come, il sentore diventa presto certezza: non si è mai ascoltata roba del genere. Dagli anelli di Saturno alla collezione estiva di Chiara Ferragni, Roma torna prepotentemente sulle mappe.